Supervisione

La supervisione è un’esperienza fondamentale di apprendimento, nella quale una persona divide con un collega, i frutti della propria esperienza clinica e dove si attua una classificazione del proprio modo di vedere e della propria tecnica.

La supervisione comprende le fasi di progettazione, osservazione, valutazione e feedback, e facilita l’autovalutazione del supervisionato, l’acquisizione di conoscenze e competenze attraverso la formazione, il modellamento (modeling), e il problem solving reciproco.

Inoltre la supervisione favorisce il riconoscimento dei  punti di forza e dei talenti del supervisionato, incoraggiando il senso di autoefficacia.

L’associazione Le Terre del Faro pone particolare attenzione a tale pratica, in quanto ritenuta dai professionisti coinvolti, uno strumento fondamentale nella relazione con l’altro.

Pertanto l’Equipe dell’associazione si rende disponibile ad accogliere colleghi che ne facciano esplicita istanza.

In modo particolare possono essere richieste supervisioni per:
  • pedagogisti;
  • psicologi;
  • psicomotricisti;
  • professionisti dei servizi alla persona.

Ogni percorso che verrà intrapreso verrà co-progettato con il supervisionato e altamente individualizzato.

Dal 2014 vengono realizzate supervisioni di gruppo all’interno di strutture psico-socioeducative sul territorio di Bologna e Provincia.

Spesso alle supervisioni, possono essere associate ore di tirocinio formativo.

Tirocinio

Scopo generale del tirocinio è di fornire allo/a studente/essa competenze teoriche, metodologiche ed operative in direzione professionalizzante.

Più in specifico il tirocinio intende consentire allo/a studente/essa di entrare in contatto e di conoscere la realtà delle Case di Accoglienza per Madri con Bambini, gestite dalla Cooperativa Sociale Loto Dorato di Bologna, con la quale l’associazione le Terre del Faro collabora.

All’interno di tale percorso verrà data la possibilità di far comprendere ai futuri professionisti i ruoli, le attività, i rapporti reciproci di coloro che vi operano, i modelli teorici e pragmatici cui si ispirano gli interventi, le norme, le strategie adottate e le routine quotidiane, così come le caratteristiche dei soggetti ai quali le strutture si rivolgono e, più in generale, di tutti coloro con cui, a vario titolo, interagiscono.

Esso intende altresì consentire al futuro professionista di definire il proprio ruolo di studente in formazione, in stretto rapporto con le figure professionali ed educative presenti e di impiegare una serie di metodologie (osservative, valutative ed  operative) in via di apprendimento o già apprese relative al “saper fare” ed al “saper essere” nelle diverse situazioni sociali.

Un prerequisito per poter accedere al tirocinio è quello di aver intrapreso un percorso di supervisione con uno dei professionisti dell’associazione, in quanto la supervisione è considerata strumento fondamentale nella fase di apprendimento della professione.